Community toolkit propone un percorso a tre fasi principali:Visioning, Prototyping e Growing.

Le community, essendo composte di persone, sono altamente imprevedibili: per questo sarebbe inutile allungare una fase di visione e progettazione. Nel nostro percorso la fase di vision, o di ri-disegno, della community, è snella e ridotta al minimo necessario per permettere di passare velocemente a un percorso di azioni, verifica e monitoraggio con le persone stesse, quella che chiamiamo fase di prototyping. In seguito, si passa alla fase di impostazione della crescita, growing, che sarà poi nuovamente testata attraverso un prototipo in un percorso continuamente iterativo.


Come immagino la community?

La fase di Visioning mira alla creazione dell’identità della community. In questa fase si riflette sull’apertura della community, sulle risorse esistenti, sul profilo dei potenziali membri e sulle loro motivazioni a partecipare. Questa fase si conclude con il lancio di una azione che provoca il cambiamento (prototipo).

Cosa succede se…

La fase di Prototyping è composta da molte piccole azioni (provocazioni) che mirano a verificare come rispondono le persone a quanto pensato nella fase di visioning, e a offrire uno spazio alle persone per iniziare ad esprimersi all’interno della community. Per ogni azione si individuano i criteri di valutazione che permettono il monitoraggio e di disegnare l’azione successiva.

Come gestire – mantenere

La fase di Growing ha l’obiettivo di re-definire la community e di consolidarla per prepararla alla crescita. Si lavora sulla governance (ruoli, responsabilità, ricompense) e sulla strategia di ingaggio a medio termine.